Era il 4 febbraio del 1947 quando gli allora venticinquenni Sauro Borghi e Roberto Carroli, fondarono a Bologna la “Società Impianti Telefonici ed Elettrici – S.I.T.E. – S.r.l.” La sede legale era a Bologna in via Francesco Albani 7, mentre un’altra sede amministrativa si trovava a Genova in via Pozzuolo del Friuli 2/3.

Siamo nei primi anni del secondo dopoguerra, in piena Ricostruzione: l’Italia stava ripartendo lentamente, cercando di far crescere la propria economia. In questo contesto, le reti telefoniche erano infrastrutture fondamentali per ricollegare persone e imprese, per tornare a comunicare, scambiare idee e merci, riallacciare quel filo che la Seconda Guerra Mondiale aveva spezzato.

I telefoni erano già entrati nelle case degli italiani da qualche anno. Nel 1940 se ne contavano circa 500.000 distribuiti in tutta la penisola. La gestione delle infrastrutture di comunicazione era stata affidata ai primi clienti di SITE, i cinque grandi gruppi concessionari che operavano per aree geografiche di competenza: STIPEL – Società telefonica interregionale piemontese e lombarda; TELVE – Società anonima telefonica veneta; TIMO – Telefoni Italia Media Orientale; TETI – Società telefonica tirrena; SET – Società esercizi telefonici.

Lo Stato italiano sentiva la necessità di dare un nuovo assetto alle infrastrutture del Paese, avviando cosi un progetto di ammodernamento e sviluppo dell’intera rete nazionale di accesso alla telefonia. La rinascita economica e industriale, fra le macerie lasciate dalla Seconda Guerra mondiale, ripartiva anche da qui.

Ed è in questo contesto che i giovani amici decisero davanti al notaio, il Dott. Cesare Sassoli, di intraprendere un’avventura imprenditoriale che li avrebbe portati a realizzare infrastrutture e reti di telecomunicazione in tutto il Paese, denotando nel tempo un’inguaribile vocazione all’impresa, alla sperimentazione e al progresso.

2022: SITE COMPIE 75 ANNI NEL PROGRESSO

Da quel 4 febbraio 1947 sono passati 75 anni. Oggi celebriamo questo importante anniversario che rappresenta il coronamento di un sogno diventato realtà. Parliamo di due ragazzi e grandi sognatori “Ispirati dal Progresso” che erano proiettati verso il futuro e volevano diffondere il meglio della tecnologia e degli avanzamenti tecnico-scientifici che si erano fatti strada in quegli anni.

Un sogno che prosegue, ed è stato reso ancor più grande e ambizioso a partire dagli anni ’80 dai loro figli Stefano Borghi e Carlo Carroli, e in seguito dall’ingresso dei nipoti Eugenio Borghi e Massimo Carroli, che continuano a portare avanti la loro visione aziendale. Tre generazioni che hanno reso SITE l’azienda che conosciamo oggi: una realtà internazionale, con una forte impronta ingegneristica, presente anche nei comparti dell’Energia, dei Trasporti e degli Impianti Tecnologici. Ogni giorno 2.500 persone lavorano in SITE per affrontare e superare le grandi sfide della tecnologia, sviluppando infrastrutture di rete pubbliche e private, e integrando sistemi all’avanguardia.

Dopo tre quarti di secolo, SITE si è dunque trasformata in una grande azienda che ricoprire un ruolo fondamentale nello sviluppo tecnologico del Paese. Persegue la sua missione come protagonista e leader di mercato nella system integration e nella realizzazione di grandi progetti che hanno a cuore la digitalizzazione, la sostenibilità, la sicurezza e l’innovazione.

Creare connessioni, ridurre il divario digitale, garantire viaggi più sicuri e utilizzare le risorse energetiche in modo sostenibile sono gli attuali obiettivi. Altri si aggiungeranno, con l’evolversi della società.

Il progresso delle tecnologie e delle comunità ispirerà questo cammino. Così come è sempre stato dal 1947.